Si parla spesso di fare beneficenza, un piccolo gesto che possa essere grande per chi ne ha più bisogno e mai come in questo periodo le associazioni che chiedono soldi si moltiplicano a vista d’occhio, presenti nei più svariati mezzi di comunicazione. Ecco qui un piccolo gesto che ognuno di voi può fare a costo zero.

Su Facebook è presente il gruppo “For each person that joins this group, we’ll donate $1 to fight global poverty“, cliccando, il link porterà direttamente alla pagina sul social network, iscrivetevi al profilo, non costa nulla e per quel che può valere cercheremo tutti insieme di dare un contributo, se pur minimo, è sempre qualcosa. Facciamo crescere il numeratore, mi raccomando diffondete la voce!

A partire dagli anni ’70 Danilo Ghirardini, videoperatore cavriaghese, con l’aiuto di Boris Maestri, ha filmato la storia di Cavriago. Il suo obiettivo ha fissato su pellicola eventi e momenti della vita del paese, permettendoci oggi di ritrovare frammenti della storia della comunità cavriaghese.

Su gentile concessione della famiglia, e grazie al contributo di Fondazione Pietro Manodori,  l’archivio Ghirardini, dopo un lungo lavoro di recupero e sistemazione, sarà disponibile al prestito in biblioteca comunale a partire dal 1 dicembre 2009.

La prima occasione per poter riscoprire i filmati sarà lunedì 30 novembre alle ore 21.00, presso il Multisala Novecento di Cavriago, per una serata dedicata alla proiezione di alcuni filmati e alla musica de L’USIGNOLO che eseguirà brani della tradizione musicale emiliana.
Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

L’USIGNOLO
L’ Usignolo è il titolo di uno dei più celebri valzer di Luigi Boccaccio e dà il nome ad un gruppo nuovo ma con radici molto lontane nel tempo quando ancora esistevano i cosiddetti “Concerti a Fiato” molto diversi per composizione e stile dalle “Orchestre” come le pensiamo oggi. Musicisti diplomati e da anni cultori e valenti esecutori di musica classica o “colta” per così dire, si sono ritrovati a scoprire il divertimento, il piacere e il grande valore virtuosistico della musica popolare della nostra terra. Suonano nel Concerto a Fiato “L’Usignolo”: Francesco Gualerzi (quartino, sax), Mirco Ghirardini (quartino, clarinetto), Fabio Codeluppi (tromba), Valentino Spaggiari (bombardino), Marco Catelli (genis), Dimer Maccaferri (corno), Gianluigi Paganelli (tuba).

Inoltre dal 1 dicembre 2009, in biblioteca comunale prestito dei DVD contenenti i filmati di Danilo Ghirardini.

Per informazioni – Biblioteca comunale di Cavriago
Tel. 0522-373.466

Testo tratto dal Comune di Cavriago.

 

La biblioteca comunale di Cavriago dopo aver inaugurato lo scorso maggio, una nuova sezione con oltre 1000 film in dvd, ha organizzato due incontri per entrare e capire meglio il mondo della celluloide. I due incontri di “Invito al cinema” saranno tenuti da Renato Ballabeni, giornalista appassionato di cinema e conduttore della trasmissione “Ciak si gira” in onda su TeleReggio e altre emittenti emiliane e lombarde.

Renato Ballabeni ci condurrà alla scoperta della visione del cinema a casa propria, la piacevole chicchierata sarà inframezzata dalla proiezioni di brani di film e consigli di visione. I due incontri sono a ingresso libero e grauito.

Sabato 14 Novembre 2009
GRANDI FILM SUL DIVANO
Ore 17

Sabato 21 Novembre 2009
REPLAY: RIVEDERE I FILM COL SENNO DI POI
Ore 17

Gli incontri si svolgeranno presso la Biblioteca comunale di Cavriago – Piazza Zanti 4.
Per maggiori informazioni:
Tel: 0522-373466
Mail: biblioteca@comune.cavriago.re.it

Nik Novecento

Pubblicato: ottobre 19, 2009 in Spettacolo
Tag:, , ,

L’altra sera mentre facevo zapping tra i canali televisivi, mi sono fermato a guardare un pezzo del MCS (Maurizio Costanzo Show). Arrivato ormai ai 25 anni di storia nelle varie puntate si ripercorrono temi importanti affrontati in questi anni di storia, incontrando così personaggi che da tempo non si vedevano in televisione e altri purtroppo scomparsi. Nella puntata si presentava un artista in voga all’inizio degli anni ’80 che si chiamava Nik Novecento, personalmente non lo conoscevo e non avevo mai sentito parlare di lui, i pochi frammenti di filmato che sono stati trasmessi mi hanno davvero colpito.

Purtroppo Nik soffriva di un problema al cuore che l’ha spento in giovanissima età, quando ancora svolgeva a pieno l’attività di attore, soprattutto con Pupi Avati, che aveva visto in lui qualità comiche davvero innate. In studio c’era la sorella di Nik che cercava di raccontarlo e di presentarlo al pubblico, soprattutto a quelli che non l’avevano conosciuto, ma i suoi filmati parlavano da soli. Il suo modo di fare genuino e un po’ tra le nuvole lo mostrava per quello che era: un ragazzo semplice e curioso di tutto quello che accadeva intorno a lui.

I pezzi sicuramente più interessanti e divertenti sono le sue ospitate al MCS negli anni ’80, non sono riuscito a trovare video del tempo, gustatevi quindi il grande Nik in questa partita a briscola estratta dal film “Una gita scolastica” di Pupi Avati del 1983. Nik era nato a Bologna e si è spento a Roma nel 1987, aveva solamente 23 anni. Il suo talento gli ha permesso di interpretare 8 film tra il 1983 e il 1987.

Proprio questa mattina ho visto in televisione la pubblicita “The Closet” creata da Calal+, dove si mette in primo piano la forza delle idee, una buona idea è tutto quello che serve per cercare di confezionare un buon prodotto di qualità. In questo caso lo sceneggiatore gioca con il pubblico e fa vedere come da un semplice stereotipo dell’amante nell’armadio si può produrre una storia inverosimile che disorienta lo spettatore, lasciandolo a bocca aperta alla fine dello spot. In effetti quel che serve è avere dalla proprio parte una buona fantasia!

Mai sottovalutare il potere di una grande storia!

“Canone” di bellezza!

Pubblicato: ottobre 7, 2009 in Televisione

Da giorni in televisione e sui giornali sento discutere se sia giusto o meno continuare a pagare il canone Rai dato che il servizio pubblico ormai vive di introiti pubblicitari e trasmette solamente programmi “spazzatura”. Ovviamente ognuno avrà opinioni diverse in merito, personalmente credo che il fatto di non pagare più il canone Rai porti a maggiori svantaggi, più che a benefici. Ormai la guerra degli ascolti è diventato un problema serio che va a scapito di programmi interessanti che spesso vengono eliminati o spostati a causa di pochi telespettatori e questo lo posso anche capire, ma almeno in Rai è ancora possibile vedere programmi interessanti, trasmessi a orari improponibili, ma basta un videoregistratore per risolvere il problema.

Smettere di pagare il canone vuol dire dare la possibilità alla Rai di svolgere ancora meno la sua funzione di servizio pubblico. La scorsa settimana si sono giocati gli europei del Volley femminile dove la nostra nazionale ha vinto la medaglia d’oro. La finale è stata trasmetta alle ore 20 su Rai Due, ma per tutto il giorno non era stata pubblicizzata nei programmi e la semifinale del giorno prima era stata trasmessa solamente si Rai Sport +, vi sembra un giusto servizio pubblico questo? Forse senza canone ci si scordava anche di vedere la finale! Il canone lo vedo come uno strumento che il telespettatore ha dalla sua parte per cercare di avere diritto ad un certo tipo di televisione, poi ovvio che se ci sono programmi che non vengono digeriti da una parte di pubblico basta prendere il telecomando e cambiare canale, con l’arrivo del digitale terrestre vi saranno anche più canali tra cui scegliere. Voi cosa ne pensate?

In più ho sentito che ora ad un programma per fare ascolto serve sempre la bella ragazza di turno da mettere in studio mezzo nuda.. ora giusto criticare e dibattere sul ruolo della donna nelle trasmissioni televisive e ci sarebbe sicuramente da parlare, però forse nessuno l’ha vista anche dall’altra parte. Perché si deve pensare che i ragazzi guardino una trasmissione solo per il fatto che vi sia una ragazza svestita? Mi sembra che trasmissioni molto viste come Ballarò e Annozero non abbiano figure di questo tipo, ma anche trasmissioni minore come Parla Con Me, L’infedele ed Exit sono molto interessanti pur non avendo donne oggetto all’interno! Mi sembra che l’intelligenza dei ragazzi/uomini venga un po’ troppo sminuita, non credi?

La festa dell’unità targata PD arriva anche a Bibbiano (RE) dal 6 al 16 Agosto, se siete tornati dalle ferie e in giro c’è un po’ di mortorio, questa è l’occasione giusta per passare una serata in compagnia in queste calde notti di Agosto. La festa è organizzata presso il parco La Manara di Bibbiano, ben accessibile con un ampio parcheggio (a pagamento, costo 1€). All’interno della festa si possono trovare diversi servizi come il Ristorante sia Tradizionale, che di Pesce, Pizzeria, Gnocco e Salume, Pasticceria, Gelateria e Bar, Ludoteca, Arena Concerti, Fiori e Ruote per vincere fantastici premi, Mostre, Libreria e Dibattiti.

L’ingresso è a offerta libera, se siete interessati la festa si terra in via S.Giovanni Bosco, 10 – 42021 Bibbiano RE. Per maggiori informazioni potete chiamare i numeri infoline: 0522.882556 – 340.3649259

Segnalo qui di seguito alcune date interessanti:
Lunedì 10 Agosto > ore 21.30 > Jacknife Juggernaut (shock n’roll)
Mercoledì 12 Agosto > ore 21.30 > Hydra (hard-rock)
Giovedì 13 Agosto > ore 21.30 > Cherry Gasoline (energy rock & cover)
Venerdì 14 Agosto > ore 21.30 > Marco Mazzocca
Domenica 16 Agosto > ore 23 > Spettacolo Pirotecnico